Puoi farlo anche TU

Attraversare a nuoto lo Stretto di Messina!

Attraversare a nuoto il tratto di mare che separa la Sicilia dalla Calabria è, nella mente di molti, un’impresa straordinaria. Chi non conosce lo Stretto lo associa spesso al mito di Scilla e Cariddi e si immagina un tratto di mare molto grande, imperversato da venti e correnti marine. In realtà parliamo di 3,5 km da spiaggia a spiaggia, percorribili in circa un’ora di nuoto continuato ad andatura regolare, minuto più minuto meno. La salinità, le correnti a favore, e la guida esperta dei capitani barcaioli, aiutano nello sforzo natatorio. Traversata non agonistica

La nostra Traversata dello Stretto NON è una gara di nuoto e NON serve essere professionisti per parteciparvi.

Servono invece 3 cose:

  1. Voglia di mettersi in gioco;
  2. Impegno e costanza negli allenamenti;
  3. Buon livello tecnico, di salute e di resistenza;

Chi possiede queste caratteristiche può allenarsi per arrivare preparato all’evento.
Leggi ciascun passo cosa prevede.

1. Voglia di mettersi in gioco

Nella vita capita a tutti di passare momenti belli in cui ci sentiamo gagliardi e momenti meno belli in cui bussano alla porta insicurezze e paure. Accettare e vincere le sfide, affrontando ciò che ci blocca e ci limita, è una sana opportunità per aumentare autostima e fiducia in noi stessi.

Attraversare a nuoto lo Stretto di Messina è una grande sfida contro i propri limiti, mentali oltre che fisici e tecnici. Per affrontare la Traversata non basta la voglia di mettersi in gioco. Continua a leggere per sapere cos’altro serve.

2. Impegno e costanza negli allenamenti

Scegliere di partecipare e di voler affrontare questa sfida è una decisione importante. Non tanto per attraversare a nuoto i 3.5 km che separano la Sicilia dalla Calabria ma per tutto il percorso di preparazione. Da gennaio a marzo bisognerà allenarsi almeno due volte a settimana, mentre da aprile a giugno sarà necessario intensificare gli sforzi fino a tre allenamenti a settimana. 

Tutti questi allenamenti trasformeranno i nostri fisici e prepareranno le nostre menti alla Traversata. Gli allenamenti saranno coordinati e specifici per ciascun partecipante, in base alle proprie condizioni psicofisiche. Non allenarsi a sufficienza comprometterà la preparazione e la buona riuscita della Traversata dello Stretto.

3. Buon livello tecnico, di salute e di resistenza

Per attraversare a nuoto lo Stretto di Messina è necessario possedere queste tre condizioni: buon livello tecnico, di resistenza allo sforzo prolungato e buon stato di salute.

Per livello tecnico si intende in primis un buon ambientamento all’acqua, ovvero sentirsi liberi e sicuri quando si è in acqua galleggiando bene anche dove non si tocca, ed una padronanza tecnica dello stile libero e della rana, entrambe nuotate fondamentali.

Lo stato di salute è altrettanto importante. Per partecipare è necessario avere il certificato medico agonistico rilasciato da uno specialista in medicina sportiva. Per valutare l’idoneità dell’atleta a partecipare ad allenamenti e gare, vengono svolti una serie di esami fra cui: spirometria, elettrocardiogramma sotto sforzo, test visivo ed esame delle urine.  Il certificato dev’essere valido alla data della Traversata.

La resistenza è una qualità fisica fondamentale per attraversare lo Stretto di Messina. La resistenza permette di mantenere uno sforzo prolungato nel tempo, resistendo alla fatica e utilizzando tutte le nostre energie fisiche e mentali

Puoi farlo anche TU: 
Attraversare a nuoto lo Stretto di Messina!

Attraversare a nuoto il tratto di mare che separa la Sicilia dalla Calabria è, nella mente di molte persone, un’impresa straordinariaChi non conosce lo Stretto lo associa spesso al mito di Scilla e Cariddi e si immagina un tratto di mare molto grande, imperversato da venti e correnti marine. 

In realtà parliamo di 3,5 km da spiaggia a spiaggia, percorribili in circa un’ora di nuoto continuato ad andatura regolare, minuto più minuto meno. La salinità, le correnti a favore, e la guida esperta dei capitani barcaioli, aiutano nello sforzo natatorio.

La nostra Traversata NON è una gara di nuoto e NON serve essere agonisti per parteciparvi. Traversata non agonistica

Servono invece 3 cose:

1. Voglia di mettersi in gioco;
2. Impegno e costanza negli allenamenti;
3. Buon livello tecnico, di salute e di resistenza;

Chi possiede queste caratteristiche può allenarsi per arrivare preparato all’evento. Leggi ciascun passo cosa prevede.

1. Voglia di mettersi in gioco

Nella vita capita a tutti di passare momenti belli in cui ci sentiamo gagliardi e momenti meno belli in cui bussano alla porta insicurezze e paure. 

Accettare e vincere le sfide, affrontando ciò che ci blocca e ci limita, è una sana opportunità per aumentare autostima e fiducia in noi stessi. 

Attraversare a nuoto lo Stretto di Messina è una grande sfida contro i propri limiti, mentali oltre che fisici e tecnici.

Per affrontare la Traversata non basta la voglia di mettersi in gioco. Continua a leggere per sapere cos’altro serve.

2. Impegno e costanza negli allenamenti

Scegliere di partecipare e di voler affrontare questa sfida è una decisione importante. 

Non tanto per attraversare a nuoto i 3.5 km che separano la Sicilia dalla Calabria ma per tutto il percorso di preparazione. 

Da gennaio a marzo bisognerà allenarsi almeno due volte a settimana, mentre da aprile a giugno sarà necessario intensificare gli sforzi fino a tre allenamenti a settimana. Tutti questi allenamenti trasformeranno i nostri fisici e prepareranno le nostre menti alla Traversata. 

Gli allenamenti saranno coordinati e specifici per ciascun partecipante, in base alle proprie condizioni psicofisiche. 

Non allenarsi a sufficienza comprometterà la preparazione e la buona riuscita della Traversata dello Stretto.

3. Buon livello tecnico, di salute e di resistenza

Per attraversare a nuoto lo Stretto di Messina è necessario possedere queste tre condizioni: buon livello tecnico, resistenza allo sforzo prolungato e buon stato di salute. 

Per livello tecnico si intende in primis un buon ambientamento all’acqua, ovvero sentirsi liberi e sicuri quando si è in acqua galleggiando bene anche dove non si tocca, ed una padronanza tecnica dello stile libero e della rana, entrambe nuotate fondamentali. Verrà valutato, previamente alla Traversata, il livello tecnico di ciascun nostro partecipante.

La resistenza è una qualità fisica fondamentale per attraversare lo Stretto di Messina. La resistenza permette di mantenere uno sforzo prolungato nel tempo, resistendo alla fatica e utilizzando tutte le nostre energie fisiche e mentali

Lo stato di salute è altrettanto importante. Per partecipare è necessario avere il certificato medico agonistico rilasciato da uno specialista in medicina sportiva. 

Per valutare l’idoneità dell’atleta a partecipare ad allenamenti e gare, vengono svolti una serie di esami fra cui: spirometria, elettrocardiogramma sotto sforzo, test visivo ed esame delle urine.  Il certificato dev’essere valido alla data della Traversata.

La prossima Traversata

Iscrizioni fino a Marzo 2022

Slide
LE PROSSIME TRAVERSATE
GIUGNO - SETTEMBRE
Iscrizioni aperte

Scopri tutti gli articoli informativi sulla
Traversata dello Stretto di Messina

Traversata Stretto Messina

Scopri com'è nata l'idea di attraversare a nuoto lo Stretto di Messina

Preparazione atletica Traversata Stretto Messina

Ti seguiremo negli allenamenti in piscina e nelle prove in acque libere

Il racconto dell'ultima Traversata dello Stretto dalle voci dei protagonisti

Nuotare Stretto Messina

Dal mito ai giorni nostri, tutte le curiosità sullo Stretto di Messina

Scopri tutti gli articoli informativi sulla

Traversata dello Stretto di Messina

Traversata Stretto Messina

Scopri com'è nata l'idea di attraversare a nuoto lo Stretto di Messina

Preparazione atletica Traversata Stretto Messina

Ti seguiremo passo passo negli allenamenti per prepararti al meglio

Il racconto di com'è andata dalle voci dei protagonisti

Nuotare Stretto Messina

Dal mito ai giorni nostri, tutte le curiosità sullo Stretto di Messina